Collezione personale di bepospali

1 - 25 de 7505 in questa collezione

In visita dagli altri, apri gli occhi, non la bocca.

Anonimo

Tu che nemeno mi conosci,
ti sei preso solo la briga
di farmi mettere al mondo
ti sei mai chiesto di come
ha passato tutti questi anni
tua figlia? Senza nemeno
pronuciare una sola volta
la parola papà che tristezza
nel mio cuore è solo pensandoti
le lacrime bagnano il mio viso.
Ormai non ci sei più, è non
ho potuto nemeno conoscerti,
ma sappi che tua figlia ti ha
perdonato è adesso stai lassù
è sarà Dio a giudicare te adesso
ti dico solo papà perchè lo hai fatto
avevo tanto bisogno di te adesso posso
solo pregare per te.

Anonimo

Se fosse vero che i viaggi educano la mente, i controllori dei treni sarebbero gli uomini più saggi di questo mondo.

Santiago Rusiñol

Ho paura... perchè non riesco più a sentire la paura.

Maria Rosa Cavalera

Giochi ogni giorno con la luce dell'universo.
Sottile visitstrice, giungi nel fiore e nell'acqua.
Sei più di questa bianca testina che stringo
come un grapolo tra le mie mani ogni giorno.

A nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami stenderti tra le ghirlande gialle.
Chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ricordi come eri allora, quando ancora non esistevi.

Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa.
Il cielo è una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire i venti, tutti.
La pioggia si denuda.

Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento. Il vento.
Io posso lottare solamente contro la forza degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che iersera s'ancorarono al cielo.

Tu sei qui. Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all'ulitmo grido.
Raggomitolati al mio fianco come se avessi paura.
Tuttavia qualche volta corse un'ombra strana nei tuoi occhi.

Ora, anche ora, piccola mi rechi caprifogli,
ed hai persino i seni profumati.
Mentre il vento triste galoppa uccidendo farfalle
io ti amo, e la mia gioia morde la tua bocca di susina.

Quanto ti sarà costato abituarti a me,
alla mia anima sola e selvaggia, al mio nome che tutti allontanano.
Abbiamo visto ardere tante volte l'astro baciandoci gli occhi
e sulle nostre teste ergersi i crepuscoli in ventagli giranti.

Le mie parole piovvero su di te accarezzandoti.
Ho amato da tempo il tuo corpo di madreperla soleggiata.
Ti credo persino padrona dell'universo.
Ti porterò dalle montagne fiori allegri, copihues,
nocciole oscure, e ceste silvestri di baci.
Voglio fare con te
ciò che la primavera fa con i ciliegi.

Pablo Neruda

U lupu di mala cuscenza comu opera accussì penza.
Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che potrebbe fare lui.

Anonimo

Ristrettezze: Malattia che coglie chi si espone alla prosperità di un amico.

Ambrose Gwinnett Bierce

Chi ha fortuna in amor non giochi a carte.

Anonimo

A ppava' e a mmurì, quanno cchiù tarde è pussìbbele.
Pagare e morire, quando più tardi è possibile.

Anonimo

Un uomo tanto meno o tanto più difficilmente sarà grande, quanto più sarà dominato dalla ragione.

Giacomo Leopardi

Inumana legge dell amore...
destini incrociati tardi...
anime unite da forte passione
viaggiando come linee parallele.
Amore grande, infinito
nascosto in questo mondo.
Forse un domani chissà...
un altra vita dove si potrà
vivere alla luce del sole
e non come parallele
ma una sola linea
fusa in due corp.

Anonimo

Sentii aprirsi una crepa nel mio cuore, mentre un minuscolo frammento si staccava da tutto il resto.

Stephenie Meyer

Apri gli occhi, guardati intorno, lo sò, c'è tanta falsità, tanta violenza.

Anonimo

L'uomo di buona memoria nulla ricorda, perché nulla dimentica.

Samuel Beckett

Che questo giorno in cui ricevi la prima comunione possa essere l'inizio di un cammino sereno e gioioso.

Anonimo

La superstizione è l'alibi degli uomini ciechi.

Cleonice Parisi

Non c'è un giorno senza un sole. Non c'è una notte senza luna. E non c'è un minuto che non pensi a te.

Anonimo

Per tutto quello che è stato, per tutto quello che poteva essere, per tutto quello che sarà, per tutto ciò che è iniziato e per tutto quello che è appena finito, sorridi, non perderti nel passato e vivi.

Anonimo

Quella bocca che mi sfiorava,
non era tua, la sentivo dove, quanto
nella mia fantasia.
Un bacio come, ancora,
poi ancora tu, ma lui nella mia testa,
non ti accorgevi, o non volevi credere
che non ero più la stessa.
Erano sue quelle mani,
sentivo i suoi sospiri.
Chiudevo gli occhi per non vedere,
eri tu, lui, non volevo sapere
e non ti accorgevi.
Non ti ho mai chiamato amore
e cambiavo espressione
forse lo sapevi.
Con te e con lui nello stesso momento,
mi piaceva, forse, a volte era un tormento.
Avevi capito, ma continuavi,
aspettando che fosse finito,
ti sarai anche divertito,
non sei stato sorpreso,
tu l'hai sempre saputo,
non volevo con te...
certo, l'altro sicuramente mi ha avuto.

Anna De Santis

Sei comparsa al portone
in un vestito rosso
per dirmi che sei fuoco
che consuma e riaccende.

Una spina mi ha punto
delle tue rose rosse
perché succhiassi al dito,
come già tuo, il mio sangue.

Percorremmo la strada
che lacera il rigoglio
della selvaggia altura,
ma già da molto tempo
sapevo che soffrendo con temeraria fede,
l'età per vincere non conta.

Era di lunedì,
per stringerci le mani
e parlare felici
non si trovò rifugio
che in un giardino triste
della città convulsa.

Giuseppe Ungaretti

Quando piove alla buon'ora, prendi i bovi, va e lavora.

Anonimo

No!
Ho il presentimento che persino gli angeli lassù udirono le urla del mio cuore,
I miei no disperati rimbalzavano sui volti degli invitati a quella farsa.
Tu nel tuo abito chiaro non avevi sorrisi per me, eri distante mille miglia dal mio nome, dai miei occhi.
Conobbi la rassegnazione sorridendo alla donna più fortunata del mondo, la tua indifferenza mi rivelò le mie illusioni.
Ma la memoria è corta, e la speranza beffarda; Quale banale, supremo bisogno d'amore mi fece aprire la porta al tuo sorriso, dopo solo venti giorni?
Utopia!

Marina Gaddi

Non si inizi nessun discorso senza mostrare per prima cosa umiltà. "Io sono ignorante, un pover'uomo", è così che cominciano tutti i discorsi. "Io non so nulla più di voi che siete seduti intorno a me, ma io vorei offrirvi il mio umile parere".

Anonimo

L'uomo è un animale sociale che detesta i suoi simili.

Eugène Delacroix

La vita è mia e la gestisco come voglio io.
La vita è un dono di Dio e quindi indisponibile.
Visione laica del libero arbitrio, e visione fideistica religiosa.
Ma c'è un'altra visione sulla quale nessuno si sofferma a considerare:
La Mente profonda dell'uomo.
Là dove il vero libero arbitrio non riconosce la volontà espressa dalla ragione del senso comune legata da mille condizionamenti sì che di veramente "libero" non c'è quasi niente.
Così, mentre l'Es e l'Io, nemici per antico destino, si contendono la sorte di ciò che non appartiene né alla ragione comune, né alla fede religiosa;
l'uomo del XXI secolo, anziché guardare all'Oriente che indica l'alba dell'uomo si pone ad occidente del tramonto della sua stessa specie a riscoprire l'eutanasia e ad inventare il testamento biologico.
Che l'anno nuovo illumini la mente degli uomini a bandire ogni forma di intervento che porti a determinarne volontariamente la fine.
Che questa speranza faccia il giro del mondo affinché non resti utopia!

Michelangelo Blanco
<  5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15   >