Concetta Antonelli: L'uomo l, riverso a terra sul marciapiede sporc



L'uomo l, riverso a terra sul marciapiede sporco, prono lungo le colonnine del sottopassaggio della metro. Nemmeno il braccio gli protegge il viso dal contatto con l'asfalto. La guancia, con la barba lunga e a chiazze, tocca i mattoni grigi; gli occhi sono chiusi, i capelli ispidi e sporchi sono scuri. L'uomo giovane.
Un braccio allungato a terra, l'altro accanto al corpo e anche le gambe hanno la stessa posizione asimmetrica. Dagli abiti vecchi e senza colore sporgono una mano e un piede: hanno dita fini, delicate, luride, con le unghie spezzate e orlate di nero, un po' rattrappite, forse per il freddo. Due piccoli pezzi di cartone sono malamente appoggiati sulle spalle e sulle gambe, in parte a terra e in parte sul corpo, ondeggiano alle folate di vento. I reni sono scoperti, bordi di biancheria nerastra fuoriescono sotto la giacca e i calzoni, si scorge la fessura delle natiche magre,
Quel corpo ha un abbandono innaturale, potrebbe essere di un ubriaco, di un morto, di un drogato, comunque di uno fuori di s, solo un corpo, privato dello spirito, dell'identit.
Dignit e respiro sono andati via.
l, offerto al ludibrio di chiunque,...[segue »]


Concetta Antonelli

Pi citazioni Concetta Antonelli

frasi di Concetta Antonelli
frasi di Concetta Antonelli