Arthur Rimbaud: La mattina alle quattro, d'estate, il sonno d'amor



La mattina alle quattro, d'estate,
il sonno d'amore dura ancora.
Sotto i boschetti l'alba deodora
le sere festeggiate.

Ma laggi negli immensi cantieri
al sole dell'Esperidi, l
scamiciati, ecco i carpentieri
si agitano gi.

Tranquilli, in quei deserti muschiati,
preparano il tavolato fino
dove ride il ricco cittadino
sotto cieli affrescati.

Per questi Operai affascinanti
a un re di Babilonia assoggettati,
ah! Lascia un po', Venere, gli Amanti
dai cuori incoronati.

Regina dei Pastori!
Porta acquavite ai lavoratori,
la loro forza vieni a ristorare
prima del bagno meridiano, in mare.


Arthur Rimbaud

Pi citazioni Arthur Rimbaud

frasi di Arthur Rimbaud
frasi di Arthur Rimbaud frasi di Arthur Rimbaud