Boypoe (Carlo Schiavini): Ciao PapÓ, ora che non ci sei pi¨ scopro quanto mi



Ciao PapÓ,
ora che non ci sei pi¨ scopro quanto mi manchi... mi manca il tuo sorriso... il tuo stropicciarmi i capelli, mi mancano i tuoi consigli mai ascoltati.
Pensavo di essere cresciuto e allora rifiutavo queste attenzioni... solo ora mi rendo conto di quanto amore mettevi in questi semplici gesti... non si Ŕ mai grandi abbastanza per capire certe cose.
Penso a tutto ci˛ che ho perso con te... Ŕ troppo tardi lo s˛, Ŕ semplice per me ripetere che dovevo pensarci prima, la frase per coprire ogni genere di errore.
Non ci sei pi¨... ricordo di te ogni cosa, l'imbarazzo di quando venivi a scuola a prendermi, di quando salivo dietro a te in moto, la derisione degli amici che chiedevano se avevo ancora bisogno del papÓ... in quei momenti sentivo rabbia verso di te... solo ora che non ci sei pi¨ e che sono cresciuto capisco che tu valevi pi¨ di loro... perchŔ... tu eri il mio migliore amico.
Poi un giorno il Signore ha deciso di prenderti, tre lunghi anni... anni di sofferenza per te.
Le parti si erano invertite, cominciai a diventare il padre di mio padre, io crescevo e tu diventavi sempre pi¨ piccolo... aiutarti a mangiare... rimboccarti le coperte...
baciare la tua fronte, curarti come un bambino... come tu facevi con me.
Poi una notte ti sei addormentato e hai voluto dormire pi¨ del solito... hai deciso di non svegliarti pi¨.
Ora PapÓ... io non s˛ se possano esistere gli Angeli,
se cosi fosse io vorrei che tu fossi il mio e se vuoi passare la tua mano tra i miei capelli e stropicciarmeli... fai pure...
io non sono pi¨ un bambino... sono tuo figlio!
Solo cosi sapr˛ che la parola "troppo tardi" non esiste...
altrimenti ho sbagliato tutto.
Scusa PapÓ... ma sarebbe troppo tardi chedere scusa.
A mio Padre... Carlo


Boypoe (Carlo Schiavini)

Pi¨ citazioni Boypoe (Carlo Schiavini)