Diana Gabaldon: "Solo te", ripetè a voce bassissima, tan



&Quot;Solo te", ripetè a voce bassissima, tanto che faticai a sentirlo. "Adorarti con il mio corpo, mettere le mie mani al tuo completo servizio. Darti il mio nome, insieme a tutto il mio cuore e la mia anima. Solo tu. Perchè non mi permetti di mentirti... eppure mi ami".
Lo toccai, allora.
"Jamie", sussurrai, posandogli una mano sul braccio. "Tu non sei più solo".
Si girò e mi prese per le braccia, scrutandomi in volto.
"Io ti feci quel voto", gli ricordai. "Quando ci sposammo. Pur non avendone l'intenzione, giurai... ma adesso sono sincera". Gli rigirai la mano tra le mie, palpando la pelle sottile e liscia alla sua base, dove il polso battevasotto le mie dita, nel punto in cui la lama del suo pugnale gli aveva tagliato la carne, un tempo, spargendo il suo sangue perchè si mescolasse per sempre con il mio.
Premetti il miopolso contro il suo, battito contro battito, cuore contro cuore.
"Sangue del mio sangue... " bisbigliai.
"Ossa delle mie ossa". Il suo sussurrofu profondo e roco. Si inginocchiò all'improvviso di fronte a me e mise le mani giunte tra le mie: il gesto che compie un Highlander quando giura fedeltà al suo capoclan.
"Ti dono il mio spirito", continuò, il capo chino sopra le nostre mani.
"Finchè la nostra anima non sarà resa", conclusi piano.


Diana Gabaldon

Più citazioni Diana Gabaldon