Charles Baudelaire: Per dilettarsi, sovente, le ciurme catturano degli



Per dilettarsi, sovente, le ciurme
catturano degli ālbatri, marini
grandi uccelli, che seguono, indolenti
compagni di viaggio, il bastimento
che scivolando va su amari abissi.
E li hanno appena sulla tolda posti
che questi re dell'azzurro abbandonano,
inetti e vergognosi, ai loro fianchi
miseramente, come remi, inerti
le candide e grandi ali. Com'č goffo
e imbelle questo alato viaggiatore!
Lui, poco fa sė bello, com'č brutto
e comico! Qualcuno con la pipa
il becco qui gli stuzzica; lā un altro
l'infermo che volava, zoppicando
scimmieggia.
Come il principe dei nembi
č il Poeta che, avvezzo alla tempesta,
si ride dell'arciere: ma esiliato
sulla terra, fra scherni, camminare
non puō per le sue ali di gigante.


Charles Baudelaire

Pių citazioni Charles Baudelaire

frasi di Charles Baudelaire
frasi di Charles Baudelaire