Michelangelo Pucci: Paolino, il sarto, è andato a casa di donna Ameli



Paolino, il sarto, è andato a casa di donna Amelia per la prova della giacca nuova.
Nel frattempo che la signorina è andata ad indossarla, Paolino esce nella loggia per prendere aria. Vede a terra un oggetto luccicante, si piega per prenderlo e non si accorge che la penna stilografica si sfila dal taschino e scivola ai piedi del parapetto.
Messo a misura il vestito, s'accoglie le cose sue e torna alla bottega.
Donna Teresina esce nella loggia e vede la penna stilografica... È il 1943 e gli aerei americani bombardano Scalea e passano pure su Tortora. Corre voce che sulle aree civili lancino penne, bubboli e giocattolini esplosivi... Donna Teresina, come vede la penna, pensa subito ad una cosa del genere ..., la prende delicatamente con due dita ..., si alza piano piano ..., la getta giù nel vuoto della valle e subito si piega sotto il muro per evitare lo scoppio ..., ma non succede nulla...
Dopo un po' Paolino ritorna...
- Donna Amè, avete per caso trovato un penna stilografica, di sicuro mi è caduta quì!...
Donna Amelia non sa nulla.
- Io ho visto una penna nella loggia ..., pensando che l'avesse lanciata un aereo americano, l'ho gettata di sotto! ? Dice donna Teresina.
Paolino strabuzza gli occhi, digrigna i denti e se ne va imprecando.


Michelangelo Pucci

Pi citazioni Michelangelo Pucci