Vincent Van Gogh: A primavera un uccello in gabbia sa bene che c' q



A primavera un uccello in gabbia sa bene che c' qualcosa a cui potrebbe servire, sente benissimo che ci sarebbe qualcosa da fare, ma non ci pu far nulla, e cos' questo? Non si ricorda bene, ha idee vaghe e dice: "Gli altri fanno i loro nidi e portano fuori i loro piccoli e li cibano" e poi sbatte il suo capino contro le grate della gabbia. Ma la gabbia resiste e l'uccello impazzisce dal dolore. "Guarda che fannullone", dice un altro uccello che passa l davanti, "quello un tipo che vive di rendita". Eppure il prigioniero continua a campare, non muore, fuori non appare nulla di quel che ha dentro, in buona salute, e di tanto in tanto allegro sotto i raggi del sole. Ma poi viene il tempo degli amori. Ondate di depressione. "Ma ha poi proprio tutto quel di cui ha bisogno?" dicono i bambini che si prendono cura di lui e della sua gabbietta. E lui sta appollaiato con lo sguardo proteso verso il cielo, dove sta minacciando un temporale, e dentro di s sente ribellione per la sua sorte. "Me ne sto in gabbia, me ne sto in gabbia, e non mi manca niente, imbecilli! Ho tutto ci di cui ho bisogno! Ma per piacere, libert, lasciatemi essere un uccello come gli altri!". Cos, talvolta, un uomo che non fa nulla assomiglia a un uccello che non fa nulla.

Vincent Van Gogh

Pi citazioni Vincent Van Gogh

frasi di Vincent Van Gogh
frasi di Vincent Van Gogh frasi di Vincent Van Gogh